Passo dopo passo Gigi D'Alessio
 
  1. Fotomodelle un pò povere
  2. Troppo piccerella
  3. Donna senz'anima
  4. Che donna sei
  5. Cumpagna mia
  6. Si t'ha lassato
  7. Annarè
  8. Amico cameriere
  9. Tu me vuò lassà
  10. Si tu pe mme ce tiene ancora
  11. Malafemmena
Passo.jpg (9499 bytes)

 

Fotomodelle un po' povere
Testo: V.D’Agostino – Musica: L.D’Alessio

Quando mi vuoi,
mi raggiungi a basso prezzo,
20 mila per pagarti quel tassì
ce può metere mez'ora pecchè o vommero
è vicino a sanità.
Staje sempe a Napule.
Se lo farai, troverai una spiegazione,
può capì pecche è diverso 'nzieme a mme
io che forse parlo male,
tu 'e fernuto a poco ll'università
che differenza c'è
si a dummeneca mangiammo
sempe 'e tre si giurammo sempe
addà murì mammà,
si ce piaceno 'e canzone quanno su napulitane,
si p'ascì arrubbammo a macchina e papà
Int'e viche 'e sti quartiere
addo' nun esiste a scola,
nun ce trase manco 'o sole ma ce scete
l'addore do cafè,
che guaglione e' sti quartiere si ti a mettere
a ffà ammore nun ce vonno assaje denare
pecchè so diverse a te.
So troppo belle e sanno pure vestì
fotomodelle un po' povere
c'a' quinnicianne faticano già,
pecchè si vonno spusà.
Si tu 'o Vommero già tiene,
chi te vuo' nu sacco 'e bene,
chesta sera me trattengo
che guaglione mieza a Sanità
pecchè la chi te vuo' bene pure 'ncopp 'o motorino
pe se fà na cammenate saglie arete 'nzieme a tte'.
Meglio cosi', doppo sta' telefonata,
pecchè nun salive a strada pe' veni',
finalmente aggio capito,
tutt'e duje nun ce putimmo appartene'
si te fa' ridere,
che a dummeneca mangiammo
sempe 'e tre si giurammo sempe
addà murì mammà,
si ce piaceno 'e canzone quanno su napulitane,
si p'ascì arrubbammo a macchina e papà
Int'e viche 'e sti quartiere
addo' nun esiste a scola,
nun ce trase manco 'o sole ma ce scete
l'addore do cafè,
che guaglione e' sti quartiere si ti a mettere
a ffà ammore nun ce vonno assaje denare
pecchè so diverse a te.
So troppo belle e sanno pure vestì
fotomodelle un po' povere
c'a' quinnicianne faticano già,
pecchè si vonno spusà.
Si tu 'o Vommero già tiene,
chi te vuo' nu sacco 'e bene,
chesta sera me trattengo
che guaglione mieza a Sanità
pecchè la chi te vuo' bene pure 'ncopp 'o motorino
pe se fà na cammenate saglie arete 'nzieme a tte'.

Troppa piccerella
Testo: V.D’Agostino - L. Giuliano - Musica: L.D’Alessio

Pe te a vita s'e' fermata ca
dint'a nu vico fridd'e sta citta'
comme casa sultante na stanza nu lietto e a cucina
mentre chillo ca t'ha fatta mamma
mo fa quase n'anne ca nun o vire cchiu
forse e' giusto ca nemmeno 'e sante
mo nun crire tu
Chella scala sempe le a lava'
pure quand'a forza nun ce sta'
pe tene' poche sold'int'a sacca
che a doppe po' spennere
e o faje sulo pe chistu criature
comm'a te ogni cosa po' desidera'
quanta cose gli e 'mparat' gia'
sei la mamma e pure il suo papa'

Si na guagliuncella troppa piccerella
ma ch'e sentimente 'e mamma'
senza bambulell' senza cumpagnell'
e nun si maje ghiut'a balla'
Ca se spugliat' na vota cu chillo
co core a saput' 'mbruglia'
e cu nato no nun se po fa'
grida pecche mo se vo' 'nnammura'
Si na guagliuncella troppa piccerella
ma co chi to faccio sape
ca cchiu gruossiciell' sta nu guaglincell'
ca sta scenn' pazze pe te
Forze cu chesta canzone le po' di sti cose
che vene a sape'
e si cantanno te veco capisco ca
dopp' vuo' asci' 'nziem'a mme

Ca se 'a storia avess'accummencia'
e se po' turnasse chillu la
so sicuro c'appena o verisse
turnasse a te perdere
Che c'e' e meglio 'e chesta canzone
pecche' chello che vulesse ave'
sulo chello te o putesse da'

Si na guagliuncella troppa piccerella
ma ch'e sentimente 'e mamma'
senza bambulell' senza cumpagnell'
e nun si maje ghiut'a balla'
Ca se spugliat' na vota cu chillo
co core a saput' 'mbruglia'
e cu nato no nun se po fa'
grida pecche mo se vo' 'nnammura'
Si na guagliuncella troppa piccerella
ma co chi to faccio sape
ca cchiu gruossiciell' sta nu guaglincell'
ca sta scenn' pazze pe te
Forze cu chesta canzone le po' di sti cose
che vene a sape'
e si cantanno te veco capisco ca
dopp' vuo' asci' 'nziem'a mme

 

Donna senz'anima
Testo: V.D’Agostino - L.Giuliano – L.D’Alessio

Come baciavi male, ancora a labbra chiuse,
quel modo di arrossire con la testa in giù.
I miei ritardi fissi, duri da accettare,
se capita domani non ti aspetto più.
Chissà se il tempo, poi ti cambierà,
darà malizia alla tua ingenuità, chissà!
E mentre miglioravi il modo di baciare,
a testa bassa poi non arrossivi più,
e se facevo tardi non mi aspettavi più.
Sono troppo fuori moda adesso dalle tue abitudini,
nel tuo nuovo mondo pensi che non c’entro più.
Io che posso solamente darti poche cose semplici,
una corsa nel metrò e qualche frase chiusa nel comò.
…e mo te pavan’ dicenn: "Spuogliete!"
ce miet’ n’attimo cu tutte ll’uommene,
e po’ te vatten’ si s’annammorano,
pecchè t’accattano senza chest’anema.
Questa sera mi son messo in fila,
dai, ti prego, spogliati,
non fa niente, tieni pure il resto, pago un po’ di più.
Chi poteva immaginare un giorno di trovarti in vendita,
e venevo a m’accattà
n’ammore viecchio ‘e tantu tiempo fa.
…e mo te pavan’ dicenn: "Spuogliete!"
ce miet’ n’attimo cu tutte ll’uommene,
e po’ te vatten’ si s’annammorano,
pecchè t’accattano senza chest’anema.

 

Che donna sei
Testo: V.D’Agostino - Musica: L.D’Alessio

Scendi gia' sto sotto casa
piu' di un quarto d'ora non  ti aspetto qui
basta io non mi nascondo
anzi quando scende poi gli chiedo di te

e ca se po' sentere male ma che teng'a vere'
Stronza non ricominciare
sai che non mi piace quando scherzi cosi'
anzi vado a farmi un giro
sul telefonino mi richiami se vuoi
ma che te pitt''a fa chell'e' cchiu bell'e te
ma se so cchiu brutto dimmell'
pecche' ci amme a vede'

Ma che donn sei una bomba di sesso
nel letto con me non ti stanchi mai
dimmi come fai
a cambire il tuo modo d'amare
se invece poi stai con lui
Ma che donna sei
tu che prendi il mio cuore in affitto
ma no i sentimenti miei
Ma che donne sei
a lasciarmi morire ogni volta
che torni da lui

Basta ora tutto questo
non mi da piu' gusto a stare insieme con  te
resta io non ci resisto
non gli cedo il posto ce o facimme sape'
faje tarde 'nziem'a mme
fino stanott'e 3
e si 'ncopp' stanno scettat' saglio pure cu tte

Ma che donn sei una bomba di sesso
nel letto con me non ti stanchi mai
dimmi come fai
a cambire il tuo modo d'amare
se invece poi stai con lui
Ma che donna sei
tu che prendi il mio cuore in affitto
ma no i sentimenti miei
Ma che donne sei
a lasciarmi morire ogni volta
che torni da lui

 

Cumpagna mia
Testo: V.D’Agostino – Musica: L.D’Alessio

Si ce stiss’ancora tu, forse nun sbagliasse cchiù,
tu ca me facive vencere sulamente pe me accuntentà.
Mo ca tu nun ce staje cchiù n’attimo è n’eternità,
priestammell’ tu na lacrima dint’a st’uocchie nun ne teng’ cchiù.
Si tenesse a tte’,
chistu core fatt’e mille piezz’ te dicesse accuonceme.
Si tenesse a tte’
io truvasse nu filillo ‘e voce pe turnà ‘a cantà.
Quanta bucie, sto raccuntann’ ‘a gente ca si ancora ‘a mia,
e nun te fa vedè cu chillo miez’ ‘a via
pecchè nun te ne caccio ‘a dint’o core mio.
Cumpagna mia, è sulamente ‘a toja chesta canzone mia,
a scrivere ‘na mano me l’ha data Dio
‘a primma storia vera ‘e chesta vita mia.
Che te po’ custà,
piglia ‘a terra chistu core a piezz’ e cu nu vas’ azziccal’.
Che ce pozz’ fa,
si ‘sta voce rotta ‘a nu singhiozzo nun me fa cantà.
Quanta bucie, sto raccuntann’ ‘a gente ca si ancora ‘a mia
e nun te fa vedè cu chillo miez’ ‘a via
pecchè nun te ne caccio ‘a dint’o core mio.
Cumpagna mia, è sulamente ‘a toja chesta canzone mia,
a scrivere ‘na mano me l’ha data Dio
‘a primma storia vera ‘e chesta vita mia.
Comme so scemo ca te penso ancora, e sto male ca nun saccio
che faje, addò staje. Si scinne tu sol’a fa ‘a spea statt’accort
miez’ ‘a via. Comme fa fridd’ stasera, nun te vestì liggera
che pigli subito ‘o raffreddore e si staje malata chi ‘a ten’
‘a pacienza ‘e sta vicino a tte’ comm facev’io. Comme so
scemo ca te voglio bene ancora, t’ho scriv’ sempe pure
int’e canzoni. T’aggiu accattat’pure ‘o regalo pe Natale
comm’ si tu stisse ancora ccà. Comme so scemo ammore mio…

 

Si t'ha lassato
Testo: V.D’Agostino – Musica: L.D’Alessio

Nun t'abbattere accussi'
jamme guarda dint' specchio comme si
statte accorta ca dint'a niente
passa ambresso chesta età
staje male na semmana e poi basta.
Tira quei capelli su,
dai piu' voce alla tua radio sul como',
basta pure con la dieta adesso mangia un po' di piu'
e' meglio s'io mor' nata lacrema a stu scemo nun ci a da
Si t'ha lassato si e' l'urdema vota
ca s'è appiccecato cu tte
Si a dint'armadio vuo' pur''e vestite
e dimane s'e vene a piglia'
Tanto chignere nun serve a niente
chella storia era malamente
era meglio aspetta' nappoco pe te spusa'
Si t'ha lassato si nun l'è perduto
si nun te telefana cchiu
si pe dispietto so quase 6 notti
ca nun sparte 'o lietto cu tte
scennetenne già chesta sera pe via Roma
cammin'a pere e accummencia a gurda' 'e guaglion'
comm'a mme, si vuo' scegliere o nnammurato
ca fa pe tte.....

Si te n'accurgive, mo tenive 'o bene ca vulive tu
e nun stive appiccecato 'a na semmana cu Gesu'
assieme cu chillo
dint'a chiesa nun t'aveva fa trasi'.

Si t'ha lassato si e' l'urdema vota
ca s'è appiccecato cu tte
Si a dint'armadio vuo' pur''e vestite
e dimane s'e vene a piglia'
Tanto chignere nun serve a niente
chella storia era malamente
era meglio aspetta' nappoco pe te spusa'
Si t'ha lassato si nun l'è perduto
si nun te telefana cchiu
si pe dispietto so quase 6 notti
ca nun sparte 'o lietto cu tte
scennetenne già chesta sera pe via Roma
cammin'a pere e accummencia a gurda' 'e guaglion'
comm'a mme, si vuo' scegliere o nnammurato
ca fa pe tte.....

 

Annarè
Testo: V.D’Agostino – Musica: L.D’Alessio
Ascolta il brano

 

Che curaggio che tengo ti chiammo ancora
song 'a voce chi t'ha lassato ajere
ca te cerche na mano pe parla'
7 nummere maje scurdate, fatte gia'
nu milione 'e vote, chesta sera te diceno ca song' io
Te 'ncazzave agni vota ca dicevo
si te spuoglie sarrai cchiu bell' ancora
rispunniva non song chella lla'
ca si tu le prumiett' 'o core te da' tutto dint'a na sera
e pe colpa 'e sti cose io perdette a tte
Annare' comm' aggio fatto a sta luntane a te
ma che cunferenza sa pigliato 'o tiempo a ce vede' spartute
Annare' sultante tu si tale e quale a te
voglio ancora che triemm' 'e paure
si stammo dint' 'o scuro alluccaneme 'nfaccia
mi ha primma spusa'
Tanto 'o saccio vaje pazze pe mme
dimme sulo addo ciamm' a vede'
issa fà ca nun viene Annare'
no tanto 'o saccio nun è a verità
nun è overo ca nate ci sta'
io voglio sta sulamente cu tte
pecchè quanno tu stive cu mme
pur' a chella chiammavo Annare'
io sto aspettanno sultanto e sape'
si cchiu tarde te pozzo vede'
Chist'ammore vestuto vence ancora
contro a chella ca gia' sapeva annure
nun vasava nemmeno comm' a tte.
Si a cercavo pe dint' 'o core
for' a porta me ne cacciave
te scurdave ca lla po' trasi' sulo tu
nnare' comm' aggio fatto a sta luntane a te
ma che cunferenza sa pigliato 'o tiempo a ce vede' spartute
Annare' sultante tu si tale e quale a te
voglio ancora che triemm' 'e paure
si stammo dint' 'o scuro alluccaneme 'nfaccia
mi ha primma spusa'
Tanto 'o saccio vaje pazze pe mme
dimme sulo addo ciamm' a vede'
issa fà ca nun viene Annare'
no tanto 'o saccio nun è a verità
nun è overo ca nate ci sta'
io voglio sta sulamente cu tte
pecchè quanno tu stive cu mme
pur' a chella chiammavo Annare'
io sto aspettanno sultanto e sape'
si cchiu tarde te pozzo vede'

 

Tu me vuò lassà
Testo: V.D’Agostino – Musica: L.D’Alessio

Ci salutiamo ma l’ultimo bacio sembra diverso
non ha più il sapore di zucchero, non è più tenero.
Rimane fermo il mio sguardo nel vuoto come
un bambino che vuole mangiare le nuvole, non sarà facile.
Pure ‘a strada da ‘a casa addiventa cchiù longa
pecchè nun ‘a faccio abbracciata cu tte’,
comm’aggia fa pe sapè, pecchè addà sempe fernì
dint’a na lacrima che è stanca ‘e scennere
nun m’annammoro cchiù.
Tu me vuò lassà,
forse Dio na mano me vò dà,
guarda comme chiove te può ‘nfonnere,
meglio che riest’ n’atu ppoco ccà,
sulo na lacrima può suppurtà.
No, nun m’accarezzà
si le fa sultanto pe pietà,
io me ‘mbroglio e torno a me convincere
ca forse ‘a storia nun fernesce ccà
sott’a stu cielo ca me ‘nfonne ‘o core che ce pozz’ fa.
S’è fermato stu vient’
nun è cchiù malu tiemp’
nun me resta cchiù niente pe te fa rimane,
ma forse è meglio accussì,
nun pozz’ sempe murì dint’a na lacrima
che è stanca ‘e scennere nun m’annammoro cchiù.

 

Si tu pe me ce tiene ancora
Testo: V.D’Agostino – Musica: L.D’Alessio

Mi dici che per te sara' piu' facile
potrai vedermi sempre quando vuoi
ma nel mio cuore e' tutto piu' difficile
pensando che la notte stai con lui
E poi io non sto tempo senza limiti
poi pe serate nuje c'appicceca'
ma se c'e' solo un'ora disponibile
a dopp' pace nun putimme fa

Si tu pe mme ce tiene ancora
a chillo a giugno nun te li a spusa'
ma comme faccio a sera sapenno ca succere
ca tu pe forza ti a spuglia'
Pecche' me faje sta cattiveria
si lasse a chillo nun te spuse cchiu
ca tu pe fa piacere t' o leggo int'e pensiere
ossaje ca nun o' pozz' fa
e quann' scenne a dint'a machina
accorta nun te fa vere'
t'o giuro a doppo te telefono,
nun te ferma' a parla' cu mme.
Si tu pe mme ce tiene ancora
si vene 'ncopp' nun o saluta
e a dopp' miez'e scale cumm'era int'e penziere
dincella tutta a verita'

Volevo una serata indescrivibile,
scoprire tutta l'altra sua meta'
ma invece sta fernenno dint'e lacreme
nu poco e te, ma che me n'aggia fa'

Si tu pe mme ce tiene ancora
a chillo a giugno nun te li a spusa'
ma comme faccio a sera sapenno ca succere
ca tu pe forza ti a spuglia'
Pecche' me faje sta cattiveria
si lasse a chillo nun te spuse cchiu
ca tu pe fa piacere t' o leggo int'e pensiere
ossaje ca nun o' pozz' fa
e quann' scenne a dint'a machina
accorta nun te fa vere'
t'o giuro a doppo te telefono,
nun te ferma' a parla' cu mme.
Si tu pe mme ce tiene ancora
si vene 'ncopp' nun o saluta
e a dopp' miez'e scale cumm'era int'e penziere
dincella tutta a verita'

Malafemmena
Totò - A. De Curtis

Si avesse fatt' a nate
chillo ch' e fatt' a mme
st'ommo t'avesse acciso
e vuò sapè pecchè.
Pecche n'copp' a sta terra
femmene comm'a te nun c'hanno a sta
pe n'ommo onesto comm'a mme
Femmena
tu si na malafemmena
chist' occhi 'e fatto chiagnere
lacrime e 'nfamita.
Femmena, si tu peggio 'e na vipera
m' hai 'ntussicato l'anima
nun pozzo cchiu campà
Femmena si doce comme u zucchero
però sta faccia d'angelo,
te serve pe' 'ngannà.
Femmena si tu a cchiu bella femmena,
te voglio bene e t'odio
nun te pozzo scurda'
Te voglio ancora bene,
e tu nun sai pecche',
pecche' l'unico ammore,
si stato tu pe' mme,
e mo pe nu capriccio,
tutto è distrutto 'e me,
ma Dio nun to' perdona
chillo c' hai fatt'a mme
Femmena
tu si na malafemmena
chist' occhi 'e fatto chiagnere
lacrime e 'nfamita.
Femmena, si tu peggio 'e na vipera
m' hai 'ntussicato l'anima
nun pozzo cchiu campà
Femmena si doce comme u zucchero
però sta faccia d'angelo,
te serve pe' 'ngannà.
Femmena si tu a cchiu bella femmena,
te voglio bene e t'odio
nun te pozzo scurda'